Scie chimiche, non scie di condensazione

Le scie di condensazione emesse dagli scarichi degli aerei sono corte e durano al massimo 10 minuti, poi scompaiono. Le conosciamo tutti. Anch’io le conosco bene, perche’ ho vissuto per 30 anni a due passi da un aeroporto.

Dal 2001 sono comparsi aerei non di linea, che volano ad alta quota ed emettono da scarichi speciali lunghe scie bianco sporco, che persistono nel cielo anche mezza giornata e si allargano. In inglese si chiamano “chemtrails”, in italiano le chiamiamo scie chimiche.

A volte disegnano reticoli e/o triangoli nel cielo. Quelle scie poi si allargano e coprono tutto il cielo, che diventa lattiginoso e di colore grigio/bianco sporco.

Spesso la luce del tramonto colora le scie chimiche di rosa. Nei giorni in cui accadono questi fenomeni di spray, le analisi dell’aria rivelano un aumento improvviso e totale di sostanze chimiche, tra cui sali di bario e alluminio, e in alcuni casi sostanze biologiche, come globuli rossi essiccati (sangue secco), muffe, tossine e altro.

Questo fenomeno di massa e’ iniziato nel 1996 negli USA.

Dal 2000 si verifica anche in Europa, soprattutto nei paesi NATO.

Cercando negli archivi fotografici, tuttavia, alcune scie chimiche “primordiali” sono state individuate anche nel 1996 e 1992 in Europa, e prima ancora negli USA.

-> Chi sta conducendo questo gioco enorme?

-> Chi ha le risorse finanziarie per spruzzare i cieli di mezzo mondo – e riempire i nostri cieli di scie chimiche italiane?

-> Chi convince i meteorologi che sono scie di condensazione, quando invece – basta alzare la testa al cielo e guardare – si tratta di scie chimiche?

-> Perche’ cospargerci le teste di materiali nocivi?

-> Perche’ un militare di carriera non ha negato ma ha specificato che le scie chimiche “sono innocue”?

Echeggiano le parole di Morpheus in Matrix:

“Non sappiamo chi colpi’ per primo, se noi o loro.
Sappiamo pero’ che fummo noi ad oscurare il cielo.”

Di certo non e’ l’associazione degli amici del quartiere che finanzia tutto questo. L’organizzazione che sta dietro deve avere ingenti risorse a disposizione.

Governi, militari, complesso militare-industriale?

In ogni caso, ricordiamoci che i governi hanno bisogno dei nostri voti per restare in carica.

Ricordiamoci che le grandi aziende sovranazionali hanno bisogno dei nostri soldi per andare avanti.

E che i nostri militari hanno bisogno di persone per mandare avanti qualsiasi progetto.

Senza il nostro appoggio – anche tacito – qualsiasi progetto si ferma.

Il potere e’ in mano nostra.

Usiamolo.

Fonte: Scie Chimiche Italia

Annunci
Standard